Enio Home Page

 

84° Compleanno

 

Castelli Abruzzo

 

Ponte Del Mare

 

Rocca Scalegna

 

Entroterra Chietino

 

Indice Riferimento

 

Chieti- Buon Compleanno Ginettaright

a Chieti  2011

85° Compleanno

 

Ventotto dicembre duemiladieci, una data memorabile. Mammarella Gina, vedova Solino, il prossimo primo febbraio compie ottantacinque anni, almeno settanta lavorati, di cui cinquanta prestando servizio presso una famiglia di Chieti. Assistita da una salute di ferro, protetta dalla Madonna del suo quartiere (Madonna degli Angeli) ha potuto sentirsi utile per molto tempo. Fra un' Ave Maria e un Padrenostro, due volte a settimana, solo negli ultimi anni, prima faceva il "tempo pieno" prestando la sua opera anche in campagna, attraversando via Maiella, si è inepircata sulla salita più irta che conosca, per arrivare a Chieti centro ad offrire i suoi servizi alla famiglia. Sono la nuora Trentina, capisco poco il dialetto teatino, sono riuscita comunque a captare, via telefono, che il commiato ha assunto quasi il sapore della tragedia greca fra lacrime e benedizioni. Cinquant'anni sono quasi una vita, mi limito alla cronaca affettiva che mi è venuto spontaneo narrare, ce ne sarebbero cose da dire... ad esempio: allo scoppio della II guerra mondiale Gina aveva 14 anni ed agli stenti, alle privazioni, alla fame, si aggiunse l’esercito della Germania nazista. Chieti era una città presidiata dai tedeschi e dove lei abitava (lungo la via Colonnetta), si era insediato un presidio della Wermacht con tanto di Comandante e relativo battaglione militare. Si ritrovò in casa soldati tedeschi armati fino ai denti, dai modo bruschi ed autoritari, che nelle stalle domestiche accudivano i loro cavalli e che volevano sfamarsi con quel poco che in quel periodo si riusciva ad ottenere dal lavoro nei campi. La loro era una famiglia numerosa di ben nove figli che aveva grandi difficoltà nell’approvvigionamento del cibo con cui sfamarsi. La presenza di quei militari, quindi, oltre ad incutere terrore, li spingeva a mettere in atto, con grandi rischi, tutti quegli accorgimenti per nascondere il cibo con cui dovevano nutrirsi. Lei racconta che, durante le ore notturne, interravano nei campi damigiane di vetro contenenti grano, granturco, olio, vino per evitare che finissero in mano ai nazisti lasciandoli alla fame. Tutt’intorno erano bombardamenti, rastrellamenti, deportazioni e fucilazioni di partigiani. Senza ombra di dubbio possiamo affermare che Gina è una di quelle memorie storiche che dovremmo tenere in grande considerazione per ricordare i tragici eventi bellici. Una memoria che, parole sue, si affievolisce sempre più, perché alle nuove generazioni sembra non interessi più di tanto indagare su quanto accaduto appena 60 anni or sono. Solo Dio sa quanto il nostro paese avrebbe bisogno di gente di tale tempra. Tutto questo è solo un piccolo tributo alla mia grande mamma Gina, un moto, un anelito, una speranza. In questo mondo dove il lavoro dovrebbe essere un diritto assistito e non causa di morti bianche,  per come stanno andando le cose e per come cambierà il mondo del lavoro, la volontà, la voglia di farcela di Gina Mammarella, credo, siano un esempio davvero prezioso.

 

La nuora Donatella

 

 

Ah, dimenticavo... Gina, oltre tutto, s'è allevata tre figli, con quello che comporta, a cinquant'anni è rimasta vedova e... come sempre si è rimboccata le maniche perchè le mani fossero sempre libere di lavorare. Grazie. Sono orgogliosa di te, come lo sono i tuoi figli e tuoi nipoti, i tuoi parenti e amici tutti. Con tanto, infinito affetto.

Donatella Maino che ringrazia Luciano Solino per "la memoria storica".

 

 

Mamma (01/02/2011) “ottantacinquesimo”


Nessuna parola è più bella.
Forse è la prima che si impara
la prima che si capisce e che si ama
la prima di una lunga serie di parole.
Ogni parola a lei diretta è una carezza
ogni nobile pensiero è pensato in nome di lei
ogni opera buona è fatta in nome di lei.
Non bastano cento vite a fare tutto il bene che lei fa.
Basta la sua voce ad illuminare la casa
a rasserenare ogni cosa
Nessuno ti amerà mai in questo mondo
come ti ha amato, ti ama ed amerà la mamma.
E anche se adulti, anziani o vecchi
come chiameremo lei più anziana di noi?
Non c’è altro nome
Mamma.
Ed è perciò, in questo specialissimo giorno, mamma,
che ti auguro buon compleanno!

Il figlio Luciano

 

 

 

Ginetta e tutti gli invitati alla sua festa

 

Io e mamma Gina

 

Chieti - 06 Febbraio 2011


Faccio gli auguri di Buon Compleanno alla mamma migliore del mondo, alla mia mamma, quella che, quando ero piccolo, mi è sempre stata vicina in qualsiasi situazione, quella che mi ha sopportato quando avevo le mie giornate no o quando mi svegliavo tutto allegro e pimpante, quella che dal 2002 porto al mare d'estate, con la mia vecchia Ford, che corre veloce nel vento, quella mamma che ogni tanto piange ma non lo dice, quella che spesso pensa a cose non troppo belle e quando tu le chiedi cos'ha ti risponde con una scusa, quella che è sempre pronta a farti un regalo, quella che ormai non fa più una torta per il tuo compleanno, tanto c'è la figlia di Jolanda che le fa buone e pure a buon mercato, quella che tante volte, durante i suoi 85 anni di vita, si è rialzata dimostrando di essere una tipa tosta, quella che ha accettato la vita così com'è venuta, quella che quando guarda i suoi figli, così diversi l'uno dall'altro, non può fare a meno di sorridere, quella che adora cucinarsi le verdure cotte e le cose genuine, quella che solo a 85 anni si è ritirata definitivamente dal lavoro ed ha deciso di ricominciare una nuova esistenza, da capo, quella a cui spesso i fratelli e sorelle chiedevano aiuto, ma che frequentemente l’hanno dimenticata, quella che ha lavorato instancabilmente, andandosene in campagna finch'è ha potuto per 10 ore al giorno, quella che ha saputo affrontare grandi sofferenze ed ha saputo prendere, rimasta sola, importantissime decisioni, quella che ha saputo cavarsela alla grande, dopo essere rimasta vedova… A questa mia mamma io auguro un grandissimo Buon Compleanno ed è a questa mamma che regalo un angolo del mio mondo, un pezzo del mio cuore, una montagna su cui rifugiarsi quando le cose buttano male. E' a questa mamma che regalo tutto il bene dell'universo, il sorriso più grande che ho e 2 bacioni infinitamente dolci, uno da parte mia e uno da parte di mia moglie Donatella, dicendoti che ti vogliamo ancora un mondo di bene. Buon Compleanno cara mamma Gina.
 


Il figlio Enio

 

 

    Foto 85° Compleanno   Enio Home Page  INDICE DI RIFERIMENTO

 
  

  Return to Top    

@nonnoEnio